WiMax: Ariadsl leader

Si è conclusa l’asta per le frequenze WiMax. Un successo per le casse statali, ma anche per il mercato delle comunicazioni dati mobili che vede l’emergere di nuovi operatori. A cominciare da Ariadsl.

Ariadsl è la società che ha più sorpreso in quest’asta. Il piccolo provider ADSL umbro ha infatti messo sul piatto ben 45 milioni di euro per concorrere all’assegnazione di spazi di frequenza in tutte le aree macro-regionali italiane.

E’ anche l’unica società a dover pagare da sola circa un terzo del monte complessivo delle licenze in asta (l’incasso totale per lo Stato sarà di circa 136 milioni di euro), ma sarà anche l’unica, tra le 11 società vincitrici, a poter realizzare un network WiMax con copertura nazionale.

Come nasce Ariadsl? Il Tamtam racconta che il magnate di origine israeliana, David Gilo, come molti italiani che non vivono nelle grandi città, avesse problemi a ottenere una connessione Internet ‘decente’ nella sua casa di vacanze situata nei dintorni di Todi (PG).

Per questo motivo si sarebbe rivolto al provider locale Ariadsl, gestito da tre giovani soci, per cercare di risolvere in qualche modo il problema. Non soddisfatto di sottoscrivere un nuovo abbonamento ADSL, Gilo (che in piena new economy ha ceduto una sua azienda a Intel per 1,6 miliardi di dollari) ha rilevato il 75% di Ariadsl con il suo fondo di venture capital e finanziato la partecipazione all’asta.

La società si appresta a fare il suo primo grande salto, per realizzare il proprio business intorno al WiMax e operare su scala nazionale. Secondo Il Tamtam, potrebbe fissare la sua sede in Umbria, nella zona di Marsciano (PG).

fonte: vbcportal.eu

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in news. Contrassegna il permalink.

3 pensieri su “WiMax: Ariadsl leader

  1. Il Servizio attualmente (data 24 Aprile 2008) è a dir poco scandaloso :
    1) Come si può considerare DSL un servizio con 100kbit/secondo?
    2) Anche se il contratto prevede tale limite come minimo garantito è SCANDALOSO che si paghi 47€/mese per un servizio come questo che ormai sembra stabilizzato da molti giorni al valore di un servizio analogico gratis su filo! Svariati inoltre i disservizi precedenti (interruzioni anche per piccoli temporali)
    3) Ci si aspetta da un PROVIDER SERIO che una connessione promessa a 2 Mbit/sec (mai da me raggiunta (max 1.2 Mbit/sec)) venga garantita e che non sia solo un’ “esca” per far comprare l’antenna (molto costosa) e un servizio (caro comunque per i 2 Mb/s molto teorici a paragone con FastWeb).
    4) Il digital-divide non è un fattore secondario di crescita economica nel 2008. Non per quelle persone come me che lavorano in ambiente informatico e che stanno attualmente subendo dei danni per questo Vostro atteggiamento.
    5) Dopo aver acquisito i diritti Wi-Max per l’intero territorio nazionale ci si aspetterebbe un PIU’ rapido ed efficiente SERVIZIO, NON IL CONTRARIO
    6) Concludendo : Se le cose non verranno prontamente sistemate mi vedrò costretto, come dovere sociale, a comunicare in tutti i modi e con qualsiasi mezzo il Vostro attuale comportamento
    Distinti saluti
    Dr. Emanuele Morelli

  2. Anche io sono con loro da ottobre 2007.
    Dapprima ho avuto un contratto per privati a 40 euro mensili da 4 mb e sottoscrivo tutto quello che ha scrito lei: penoso (viaggiare 1 mega è tanto), lacunoso, discontinuo, continui disservizi e parlo di black-out almeno 2-3 volte la settimana!
    Dato questo sono stato obbligato a passare ad un contratto aziende a ben 140 euro mensili (una follia, lo so) lavorando io sul web non potevo permettermi intoppi.
    Per cui, l’appalto a questo israeliano, dico la verità, non mi fa pienamente piacere (vista la loro dedizione a voler tenere tutto e tutti sotto controllo) ma dall’altra spero in un immediato sviluppo della rete e della tecnologia entro pochi mesi.
    Lei cosa ne dice?
    E’ una fortuna che l’esclusiva ce l’abia avuta l’aziendina da cui dipendiamo??

  3. Cari signori, io non ho un contratto con ariadsl ma vorrei rispondere al dr. morelli al 3° punto!
    Se conosce un pò l’informatica saprà benissimo che le velocità indicate non arrivano mai al massimo……..
    Un fatto da considerare (molto importante) è la congestione della rete, infatti più utenti si connettono e più basso sarà il livello di download, per arrivare a 2 Mb/s deve essere solo lei collegato in rete, ma questo succede con tutti i servizi ADSL! Fastweb dice 20Mb/s e ci è mai arrivato? Ovviamente no!
    C’è anche un altra cosa da dire, dei Mb si deve fare la conversione per vedere a quanto realmente si può andare in velocita…….
    Lei dice 100 Mbit, ma è errato… sono 100 Mbyte alla fine!
    Dei 2 Mbit si divide per 8 e quello sarà il max con cui si può navigare….
    Quindi sarà 2/8 = 0.25MByte cioè 250 KByte…….
    Il fatto che la banda garantita sia 100 KByte e non Mega è molto buono secondo la mia opinione! Ci sono provider che non riescono ad essere così!
    Secondo me ha fatto un pò di confusione!!!! Per gli altri punti non saprei visto che non ho questo provider!!!!!
    Distinti saluti.
    Simone!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...