Linux XP emula la Product Activation

Di recente è stata aggiornata una giovane distribuzione Linux di origine russa, Linux XP, che, come suggerisce il nome, mima il look and feel di Windows XP (oltre a quello di Vista). Fornire agli utenti Linux desktop il familiare ambiente grafico di Windows è un obiettivo tutt’altro che originale, ma va detto che a Linux XP riesce particolarmente bene, persino quando si tratta di simulare una delle caratteristiche di Windows più invise agli utenti: la famigerata Product Activation.

Ebbene sì. Con una scelta che susciterà certamente avversione tra i fan dell’open source, Linux XP non si limita a ricalcare più o meno fedelmente l’interfaccia grafica di Windows Vista/XP: ne emula persino il sistema di acquisizione della licenza. Come si può vedere nella schermata qui a fianco, tratta da questa recensione di TechieMoe.com, la schermata di autenticazione della distribuzione russa riporta in alto il seguente avviso: “Il sistema Linux XP non è attivato. Il tempo per attivarlo è di 30 giorni”.

Similmente a quanto succede con Windows XP, l’utente ha un mese di tempo per acquistare online la chiave di attivazione del sistema operativo: se non lo fa, Linux XP si pone in una modalità di funzionamento limitata. Questo meccanismo, seppure meno sofisticato di quello implementato in Windows, ricorda molto da vicino la Product Activation di Microsoft.
TechieMoe.com fa anche notare come Linux XP mutui dal mondo Windows una pratica molto contestata dagli esperti di sicurezza: l’utilizzo, per l’utente predefinito, di un account con privilegi di root. Far girare Linux con i massimi privilegi, ricordano gli esperti, espone ad ogni tipo di rischio, soprattutto se l’utente è alle prime armi.

Linux XP è una distribuzione apparsa per la prima volta sul mercato nel 2006, ed è basata sul codice di Red Hat Linux e Fedora. La versione 2008, rilasciata una decina di giorni fa, poggia sul kernel di Linux 2.6.22 e include i pacchetti OpenOffice 2.3, il server X.org 1.1.1, Compiz 0.3.6 per gli effetti grafici, GNOME 2.16.0 e, come opzione, KDE 3.5.6. Tra le applicazioni, Gimp 2.2, Inkscape 0.45.1 e Firefox 2.

Dal punto di vista dell’interfaccia, va dato credito ai programmatori russi di aver realizzato un clone quasi perfetto di XP e Vista (il look è a scelta tra le due versioni di Windows): desktop, menù Start, pannello di controllo, log-in e altri tool sono molto simili, e talvolta praticamente identici, a quelli dei sistemi operativi made in Redmond. Linux XP include anche il pieno supporto al file-system NTFS e un tool per l’importazione automatica delle impostazioni e dei dati di Windows, quali email, bookmark, contatti ICQ/MSN, documenti ecc.

Linux XP Desktop 2008 può essere liberamente scaricato dal sito ufficiale in versione trial. La versione DVD-box costa 25 dollari con un mese di supporto dall’installazione.

Fonte: punto-informatico.it

Questa voce è stata pubblicata in Linux. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...