MS: così’ potete gestire Linux e VMware da Windows

Parla ancora una volta di interoperabilità, Microsoft, nell’aprire il suo Management Summit 2008, un evento a cui ha portato due nuovi software. Sono le beta di strumenti di management per le imprese, che possono consentir loro di gestire da una macchina Windows alcuni noti sistemi operativi Unix/Linux nonché diverse applicazioni di terze parti.

Il primo dei prodotti annunciati da BigM a Las Vegas è System Center Operations Manager (SCOM) 2007 Cross Platform Extensions, un’estensione per il tool di management Operations Manager che fornisce gli strumenti necessari per gestire e monitorare, da un’unica console su Windows, HP-UX, Sun Solaris, Red Hat Enterprise Linux e SUSE Linux Enterprise Server, nonché software come il web server Apache e i database MySQL e Oracle.

Bob Muglia, senior vice president del gruppo Server and Tools Business di Microsoft, ha spiegato che SCOM 2007 Cross Platform Extensions permette agli amministratori aziendali di trovare e gestire i sistemi non-Windows per mezzo di tool open source come OpenPegasus e di standard aperti come WS-Management e SSH. La ricerca degli host Linux e Unix, ha spiegato BigM, può avvenire utilizzando gli indirizzi IP, il DNS o altri attributi.
“Non posso suggerirvi di far girare tutti questi server non-Windows nel vostro ambiente”, ha dichiarato con una punta d’ironia Muglia, “ma se proprio lo volete fare, adesso avete lo strumento adatto”.

Allo sviluppo di SCOM 2007 Cross Platform Extensions ha partecipato anche Novell, il cui famoso accordo con Microsoft prevede, tra le altre cose, lo sviluppo di tecnologie e strumenti per migliorare l’interoperabilità tra Windows e Linux.

La versione finale del software verrà rilasciata insieme al Service Pack 2 di Operations Manager 2007, il cui arrivo è previsto per la prima metà del 2009.

Il secondo software di management annunciato da Microsoft, anch’esso in beta testing, è System Center Virtual Machine Manager (SCVMM) 2008. Si tratta della nuova release di un giovane gestore di macchine virtuali per Virtual Server 2005 R2, che si arricchisce ora del supporto a Windows Server 2008 Hyper-V ed a VMWare ESX. Quest’ultimo, che rappresenta il principale concorrente di Hyper-V nel segmento dei software per la virtualizzazione di classe enterprise, può essere gestito da SCVMM 2008 in modo completo: ad esempio, grazie al supporto alla tecnologia VMotion di VMware, permette di migrare le macchine virtuali su host o datacenter diversi in modalità “live”, senza interruzioni.

Le beta pubbliche di SCOM 2007 Cross Platform Extensions, di SCVMM 2008 e della nuova versione di SCOM 2007 Connectors, che consente a Operations Manager di interoperare con tool di management di terze parti, possono essere scaricati da connect.microsoft.com.

Fonte: punto-informatico.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...