Lavoro su internet

Vuoi lavorare anche tu in gruppo tutto italiano e avviare una tua attività indipendente
senza costi e senza rischi anche da casa con un semplice PC ? Ti offriamo: un sistema
completamente automatizzato, le migliori affiliazioni, un supporto h24 in italiano, video
corsi gratuiti, conferenze informative settimanali gratuitamente e tutti
gli strumenti necessari al tuo business; provare non costa NULLA !!

per informazioni contattami su skype : inforisparmio

Un enorme grazie di cuore a tutti !!!!

E’ con immensa gioia, che vi scrivo, vi direte il perche’ ? Specialmente dopo tanta attesa, purtroppo pieno di impegni, non sempre mi permette
di scrivere in questo Blog… Vi ringrazio quasi con le lacrime agli occhi, a tutti i visitatori di questo blog, con i loro bellissimi commenti, lo dico di cuore…..
Non ci sono parole per descrivere la mia gioia, non credevo mai e’ poi mai che questo blog avesse avuto questo successo, credetemi, inizialmente feci questa iscrizione solo per prova, per gioco, per appunti personali per il web, poi piano piano e’ stato sempre più visto….

Contnuero’ cmq a scrivere qui in questo spazio, vi aggiornero’ perche’ sto creando altre cose carine, anche in altri blog che sto seguendo sempre sull’informatica,linguaggi web.ecc…..
con questo vi saluto, ringraziandovi vivamente,sperando ancora di stupirvi, darvi emozioni, con cio’ vi regalo una piccola poesia, poche frasi ma concise, con una bellissima immagine, a presto …

oire

oire

HP porta Linux sui desktop aziendali

Oltre che sui server e le workstation, HP sembra decisa a spingere Linux anche sui propri sistemi desktop indirizzati a scuole e aziende. Il primo passo in questa direzione sarà dato dalla possibilità, per i clienti, di ordinare un desktop Compaq dc5850 con Linux pre-installato.

La distribuzione scelta da HP è la SUSE Linux Enterprise Desktop (SLED) di Novell, che oltre alla suite per l’ufficio OpenOffice include un completo insieme di strumenti per la collaborazione e la comunicazione. Per meglio rispondere alle esigenze di scuole e università, HP ha stretto una collaborazione con Novell per portare su SLED circa una quarantina di applicazioni specificamente pensate per l’apprendimento e la formazione.

In Nord America il Compaq dc5850 con SLED pre-installata debutterà oggi al prezzo base di 519 dollari, circa una cinquantina di dollari in meno rispetto all’equivalente versione con Windows Vista Business. Al momento non è noto se e quando l'”opzione Linux” verrà estesa anche all’Europa e, in particolare, al nostro Paese (dove la versione base del sistema costa, con Vista Business, 534 euro IVA esclusa).

Va osservato che, in USA e altri mercati, buona parte dei desktop aziendali di HP possono essere ordinati con FreeDOS pre-installato, un sistema operativo compatibile col vecchio MS-DOS che non ha costi di licenza. In questo caso il prezzo base del dc5850 scende a 474 dollari.

Nei prossimi mesi HP conta di fornire Linux in opzione anche su altri sistemi desktop aziendali. Per il momento, il gigante americano non prevede di proporre Linux nel segmento consumer, come fatto invece dalla sua rivale Dell.

In questi giorni HP ha anche introdotto su alcuni desktop aziendali una soluzione per la navigazione sicura sul Web, chiamata Mozilla Firefox for HP Virtual Solution, sviluppata in collaborazione con Symantec. Tale software non è altro che una versione di Firefox fatta girare all’interno di una macchina virtuale: ciò isola completamente il browser dal resto del sistema operativo, proteggendo l’utente da eventuali malware e garantendogli la totale cancellazione dei dati al termine di ogni sessione.

Fonte: punto-informatico.it

Skype 4.0 beta 3, non solo VoIP

È disponibile l’installer della terza beta di Skype 4.0 e trova conferma la volontà del software numero uno per il VoIP di cominciare a guardare oltre la semplice telefonia cercando di portare ai propri utenti in maniera sempre più convincente le diverse possibilità di comunicazione offerte dal software.

Arrivano così molte novità specialmente per quanto riguarda l’interfaccia del programma, novità indirizzate ad una nuova organizzazione delle funzioni e dei servizi che ponga in evidenza tutto ciò che orbita intorno alla telefonia, sia che si tratti di instant messaging, che di videochat, che di telefonate verso linee fisse (il cosiddetto Skype Out).

La compagnia non sembra però aver recepito o voluto dare ascolto alle molte lamentele degli utenti che da un lato rimpiangono Skypecasts e dall’altro vorrebbero un’interfaccia molto più personalizzabile per il lato messenger. In sostanza nessuna area è stata approfondita, nessuna dimensione del software è stata prediletta rispetto alle altre, anzi: il progetto è andato nella direzione di un maggiore equilibrio tra tutte le possibilità per dare l’idea di un programma polifunzionale e non solo vincolato al VoIP.

La terza e ultima beta del servizio infatti non sembra introdurre molte cose nuove rispetto alle precedenti, se si esclude una migliore organizzazione della cronologia delle chat, puntando su funzioni che esistono da tempo ma che, anche secondo l’azienda, sono poco usate o magari anche ignorate dalla maggioranza degli utenti.

Dal punto di vista tecnico invece Skype 4.0 conterà su un rinnovato sistema della gestione e dell’ottimizzazione della banda utilizzata; su di un download manager migliorato e più efficace; sulla possibilità di riportare abusi del servizio in caso di problemi causati da utenti molesti; su di una possibile riduzione dell’ingombro della finestra grazie ad una versione “compact”.

Fonte: webnews.it

Microsoft approda sugli iPhone con Seadragon

circa sei mesi dal lancio dell’App Store, Microsoft inizia a compiere i suoi primi timidi passi negli iPhone e negli iPod Touch attraverso il rilascio di Seadragon. La nuova applicazione, disponibile da poche ore per il download, consente di visualizzare immagini ad alta definizione senza gravare eccessivamente sulle capacità dei dispositivi della mela e sulla quantità di banda necessaria per scaricarne i dati.

L’applicativo Seadragon è stato concepito e sviluppato dagli esperti informatici dei Microsoft Live Labs, la sezione del colosso dell’informatica che progetta e analizza le innovazioni da apportare ai prodotti di Redmond. Il software, al momento in fase dimostrativa, consente di effettuare zoom praticamente istantanei sulle immagini ad alta definizione gestite direttamente online da Microsoft, senza richiedere lunghi download per acquisire completamente l’immagine sul proprio dispositivo. Impartendo i tipici comandi dell’iPhone attraverso lo schermo multi touch, gli utenti possono scorrere le immagini, selezionare le aree da ingrandire e passare alle fotografie successive.

Oltre alle librerie dimostrative predefinite, Seadragon consente anche di visualizzare le numerose foto contenute negli album di Photosynth, l’innovativo sistema ideato sempre dai Live Labs per riprodurre la tridimensionalità di un luogo attraverso le sue fotografie. Al momento, però, la funzione per la visualizzazione in 3D è disabilitata e le immagini possono essere consultate solamente nella maniera tradizionale, come una comune galleria di immagini. Stando alle prime informazioni, una versione aggiornata di Seadragon completamente compatibile con Photosynth sarebbe già in avanzata fase di sviluppo.

Fonte: webnews.it

Attenti a Koobface, il virus di Facebook

Koobface si diffonde via mail e inganna facilmente l’utente ignaro membro di Facebook.

Come agisce Koobface? Semplice: il virus invia una mail a vostro nome, dal vostro account di Facebook quindi, agli amici presenti nel vostro profilo. Il testo della falsa e-mail contiene un link dal quale verrete amichevolmente invitati a visualizzare un video su YouTube.

Una volta arrivati sulla pagina linkata vi verrà chiesto di scaricare ed installare l’aggiornamento ad un programma – Adobe Flash Player – per la visualizzazione di un divertente video: ma fate bene attenzione. Non scaricherete nessun plug-in ma un programma in grado di indirizzarvi, ogni qualvolta farete una ricerca grazie ai più noti motori di ricerca, su siti “truffa”, il cui contenuto non ha nulla a che fare con l’argomento della vostra ricerca.

Di conseguenza è facile capire che l’applicativo è anche in grado di accedere ai dati sensibili presenti sul vostro pc e farne l’utilizzo desiderato.

Fonte: pc-facile.com